Danza contemporanea: “Amaramālia-Abandono” - Al Metropolitan a Palermo 2018


In: Sicilia : Palermo : Palermo

Descrizione
Mercoledė 16 marzo 2005, alle ore 21.15, con replica giovedė 17, la Companhia Portuguesa de Bailado Contemporaneo sarā in scena sul palco del Metropolitan per la stagione teatrale 2004/2005 con Amaramalia-Abandono.

Coreografie: Vasco Wellenkamp. Musiche: Carlos Zingaro e Amalia Rodrigues.

La “Compagnhia Portuguesa de Bailado Cotemporaneo”, viene fondata nel 1999 da Vasco Wellenkamp e Graįa Barroso. Sin dall’inizio, grazie al lavoro artistico di alto livello, la Compagnia creō attorno a sé e, catturō molto presto, l’interesse per questa nuova cultura dell’immaginazione attraverso la danza, che non trovō solo il consenso del pubblico di Lisbona o di Cascais ma anche di tutti i luoghi dove essi si esibivano. Sul piano internazionale la prima performance fu nell’aprile del 99’ in Brasile, in occasione del Festival di Niteroi, in cui si festeggiavano i 500 anni delle Scoperte Portoghesi. L’anno successivo ritornarono in Brasile per il Festival Internazionale di Rio De Janeiro, e al teatro Guaira a Curitiba.
Con lo spettacolo del coreografo fondatore Vasco Wellenkamp “A Lua Vai Pelo Cču Com Um Rapaz Pela Maō”gli fu consegnato il premio mondiale a Valladolid in Spagna e con “Duo Appassionato” inaugurarono nel 2003 il Madrid Festival. La stessa estate ebbe un grandissimo successo in Italia dove si esibirono a Terni, Roma e Rovigo. Il repertorio della Compagnia Portoghese vanta la presenza di numerosi coreografi, sia indigeni che stranieri di eccezionale bravura ed esperienza tra i molti ricordiamo Vasco Wellenkamp, Nils Christe, Rui Lopes Graįa, Rita Judas, Gagik Ismailian, Henri Oguike, Nathalie Bard, Tindaro Silvano, David Fielding, Rami Lavi and Singh Buhller. Recentemente la Compagnia ha ricevuto dal Ministro della Cultura e dal Consiglio Comunale il patronato di Lisbona e di Cascais.

Amaramālia-Abandono č il quarto lavoro che Vasco Wellenkamp dedica al Fado e ad Amālia Rodrigues preceduto dalla trilogia “Amaramālia – Fado” homenagem a Amālia Rodrigues del 1990, con la collaborazione del “Ballet du Grand Theatre de Gčneve”, “Amaramālia ” Trovas do vento que passa del 1992 con la collaborazione della “Compagnia di ballo del Teatro Nazionale della Croazia” e “Amaramālia” del 1994 con la collaborazione del “Ballet Gulbenkian”.
Il tema di base č comune a tutti gli altri lavori, Amālia Rodrigues che canta i versi dei pių grandi poeti portoghesi. Segnato dallo spirito dei versi, le coreografie create da Vasco Wellenkamp, con le loro multiple varianti sono imbevute di drammatici sentimenti e contengono specifici ricordi dell’anima portoghese: il senso della separazione, la fluttuazione del destino umano, della stessa vita, la tristezza. L’intero lavoro č contraddistinto dalla emozionante voce di Amālia Rodrigues e abbraccia lo smisurato talento di questa grande artista.


Periodo: ATTENZIONE: La manifestazione si č tenuta in passato dal al , non si sa se si terrā anche nell'anno in corso e in quali date. Suggeriamo di verificare sul sito ufficiale della manifestazione.
Clicca qui per segnalare le nuove date »

Il testo è stato gentilmente fornito da: Salvatore di Patti - Responsabile comunicazione


Danza contemporanea: “Amaramālia-Abandono” - Al Metropolitan a Palermo si svolge nel mese di marzo, visualizza le altre pagine di Cultura e Spettacolo: Cultura e Spettacolo a marzo in tutta Italia, Cultura e Spettacolo in Sicilia oppure le sole pagine di Cultura e Spettacolo a Palermo.



Tutte le Manifestazioni in Sicilia in corso:





Il Teatro “Samonā” ospiterā Domenica 12 Marzo, "La Nana" di Emanuele Navarro della Miraglia, riduzione e adattamento teatrale di Nino Bellitto ed Enzo Randazzo, in Beneficenza per le Asssociazioni di Volontariato di Sciacca, con la Regia di Enzo Randazzo, Gisella Mondino e Daniela Rizzuto. La... [continua]

L'antico quartiere "Circiara", per la due giorni si trasformerā in un villaggio delle tradizioni, ambientato nella Sicilia del secolo scorso, dove sarā possibile degustare prodotti tipici, assistere a spettacoli folcloristici e giocare come si faceva una volta. Centinaia di figuranti, antiche... [continua]