Festa di Sant’Alessandro e sfilata dei costumi d’epoca 2020


In: Campania : Napoli : Ischia

Descrizione
Ogni anno il 26 di agosto, festa di Sant'Alessandro, si svolge ad Ischia un corteo in costumi storici. I figuranti indossano fastosi costumi d'epoca appartenenti alle varie epoche storiche dell'isola: dal periodo di dominazione greca fino al periodo dell'unità d'Italia. Il corteo parte al tramonto dal Castello Aragonese e percorre tutto il centro storico accompagnato dagli sbandieratori fino ad arrivare nella zona del porto per poi raggiungere il quartiere di Sant'Alessandro. Una volta arrivati nel quartiere, si svolgerà la SS. Messa nella chiesa di Sant'Alessandro. Subito dopo la messa, vengono organizzati festeggiamenti con musica e degustazione di prodotti tipici.


Periodo: ATTENZIONE: La manifestazione si è tenuta in passato il , non si sa se si terrà anche nell'anno in corso e in quali date. Suggeriamo di verificare sul sito ufficiale della manifestazione.
Clicca qui per segnalare le nuove date »

Il testo è stato gentilmente fornito da: corte degli aragonesi

Sito Web: www.comuneischia.it


Festa di Sant’Alessandro e sfilata dei costumi d’epoca si svolge nel mese di agosto, visualizza le altre pagine di Cortei Storici: Cortei Storici ad agosto in tutta Italia, Cortei Storici in Campania oppure le sole pagine di Cortei Storici a Napoli.


Tutti gli Eventi della settimana a Napoli e provincia:






Girando in Campania... “Safra Laganelle e ceci”
Piazza Imbriani, ospiterà la sagra della “Laganella e Ceci”, all'insegna del gusto e delle tradizioni. La sagra, si tiene sin dal 1991, è nata per tramandare le antiche tradizioni e per rievocare vecchi ricordi coinvolgendo giovani e meno giovani in varie attività. Lo scopo di questa... [continua]

Nella splendida location, in stile della “belle époque”, del Club 55 va in scena Sabato 25 Gennaio alle 20.30 lo spettacolo di Diego Macario: “Musica Ammore e Ccorne”; un viaggio musicale tra le più celebri “macchiette” - un genere quasi scomparso dai maggiori palcoscenici partenopei, ma che... [continua]