Rappresentazione teatrale: "Orgia" di Pasolini


In: Friuli Venezia Giulia : Gorizia : Gradisca d'Isonzo

Descrizione
Sala Bergamas di Gradisca d'Isonzo.

Regia di Andrea Adriatico
Scena e luci di Andrea Cinelli, suono di Enrico Medri, costumi di Romeo Gigli e La Perla.
Con: Francesca Ballico, Maurizio Patella e Rossella Dassu
Lo spettacolo è a posti limitati ed è sconsigliato ai minori di 18 anni.
www.teatridivita.it.

L'opera di Pasolini "Orgia" viene rimessa in scena nel 2005, anno del 30° anniversario della morte di Pasolini. Ed é proprio un'orgia di parole, passioni, ricordi quella che travolge un Uomo e una Donna, in un sacrificio rituale fatto di sesso e violenza.
I tre interpreti fanno rivivere questo atto d’accusa verso l’alienazione moderna in un allestimento estremo e oltraggioso, dove sesso e violenza si fondono in un trionfo del sadomasochismo.
"Orgia" è forse l'opera più "astratta" di pasolini ed anche la più emozionante e poetica, che il suo stesso autore portò in scena nel 1968 a Torino per l’interpretazione di Laura Betti.
I protagonisti sono un Uomo e una Donna che si torturano a vicenda come in un sacrificio rituale fatto di violenza e sesso, iniziato in un giorno di Pasqua. Tragedia del sadomasochismo ma anche denuncia dello sradicamento di una società lanciata verso un abbagliante e infido progresso; e sono proprio quelle radici di "un passato felice che ha prodotto persone infelici" a portare verso la fine i due protagonisti, schiacciati dalla memoria di un tempo perduto e sincero.
Fino a una conclusione che conduce inesorabilmente verso una prevedibile sconfitta, che però assume genialmente i caratteri di una rivoluzione. La rivoluzione della Diversità, che per Pasolini è l'ultima possibilità per resistere, inutilmente, all'omologazione, alla nuova barbarie che avanza: il mito borghese del consumo, la rimozione di un passato che è impossibile rimuovere.
Dopo aver dedicato a Pasolini numerosi spettacoli ed eventi agli inizi degli anni 90, per la prima volta Andrea Adriatico affronta una tragedia pasoliniana, dopo aver attraversato autori come Koltès e Copi, Testori e Mishima, e dopo aver debuttato nel cinema come regista del fortunato Il vento, di sera (2004), presentato al Festival del Cinema di Berlino.
La sua "Orgia" è condotta su un equilibrio recitativo tra attenzione alla poesia e al senso delle parole di Pasolini e una fisicità estrema che viene sottolineata dalla vicinanza imposta agli spettatori.
Lo spettacolo si trasforma così in esperienza di intenso contatto ravvicinato con la poesia di Pasolini e con la sua disperata denuncia di una società incapace di comprendere il proprio passato e quindi il proprio futuro.


Periodo: la manifestazione si è tenuta in passato dal al ed è presa dal nostro archivio storico.
Se l'evento si ripeterà anche quest'anno per favore segnalaci le nuove date »

Il testo è stato gentilmente fornito da: Giuseppe Schillaci - Teatri di vita


Rappresentazione teatrale: "Orgia" di Pasolini si svolge nel mese di aprile, visualizza le altre pagine di Cultura e Spettacolo: Cultura e Spettacolo ad aprile in tutta Italia, Cultura e Spettacolo in Friuli Venezia Giulia oppure le sole pagine di Cultura e Spettacolo a Gorizia.






Singspiel in tre atti KV 384 su libretto di Johann Gottlieb Stephanie, da Belmonte und Konstanze oder Die Enführungaus dem Serail di Christoph Friederich Bretzner Musica di Wolfgang Amadeus Mozart Editore: Bärenreiter-Verlag, Kassel Rapp. per l’Italia: Casa Musicale Sonzogno di Piero... [continua]

Per festeggiare i 40 anni di creazione della prima motostaffetta si terrà il motogiro in Friuli orientale, per conoscere le bellezze e i piatti tipici dei comuni del giro turistico. Programma: ore 07,30 / 09,30 ritrovo ed iscrizioni a Maron di Brugnera (PN) in via 4 novembre n°4/a. Ci sarà la... [continua]