“Il violino a corde umane”


In: Lombardia : Bergamo : Bergamo

Descrizione
Monastero del Carmine, ospiterà sabato 27 maggio il reading letterario a cura di Tiziano Manzini di Pandemonium Teatro, ispirato al racconto di Antonio Ghislanzoni (Lecco, 1824 – Caprino Bergamasco, 1893), scrittore e librettista, il cui nome è legato in particolare al libretto dell”Aida” di Giuseppe Verdi, con il quale lavorò anche alle revisioni de “Forza del destino” e “Don Carlo”. Il testo dal titolo “Il violino a corde umane”, accompagnato dalle musiche di Niccolò Paganini e Giuseppe Tartini, ci trasporta in un racconto fantastico dalle tinte quasi horror. La storia narrata è ambientata nel tempo in cui il virtuosismo del grande violinista Niccolò Paganini scatenava negli altri musicisti un’invidia sconfinata, tale da accusarlo di “patti col diavolo”. Ed ecco consumarsi una sfida all’ultimo “animo” lanciata da un giovane talento tedesco al grande italiano. La lettura si svolgerà in tre repliche: alle 18:00, 19:40 e 21:00. Ingresso Libero.
Info: Pandemonium Teatro 035 235039


Indirizzo: Via della Boccola, 12

Periodo: la manifestazione si è tenuta in passato il ed è presa dal nostro archivio storico.
Se l'evento si ripeterà anche quest'anno per favore segnalaci le nuove date »


“Il violino a corde umane” si svolge nel mese di maggio, visualizza le altre pagine di Cultura e Spettacolo: Cultura e Spettacolo a maggio in tutta Italia, Cultura e Spettacolo in Lombardia oppure le sole pagine di Cultura e Spettacolo a Bergamo.


Cultura e Spettacolo in Lombardia della settimana:



Tutte le Manifestazioni in Lombardia in corso:





L'’Auditorium Giorgio Gaber di Palazzo Pirelli, ospiterà domenica 16 Dicembre 2018 alle 21:00 il tradizionale concerto di Natale che avrà come tema Musica senza confini. Protagonisti saranno il Duo da camera violoncello e pianoforte composto da Margherita Succio e Ana Ilic, con musiche di... [continua]

MADE4ART, ospiterà da Lunedì 4 Marzo Architetture dinamiche, mostra personale dell’artista fotografo danese Kim Dupond Holdt (Vojens, 1966) a cura di Vittorio Schieroni ed Elena Amodeo. La serie di opere esposte comprende una serie di dettagli di architetture contemporanee caratterizzati da una... [continua]