`A Tumbulella I numeri della smorfia 2021


In: Campania : Napoli : Napoli

Descrizione
La mostra ‘A Tumbulella, rassegna di 90 opere ispirate ai numeri della smorfia napoletana e realizzate su tavole polimateriche dal maestro surrealista toscano Maurizio Vinanti per il quale, ormai da decenni, la città partenopea rappresenta una amatissima musa ispiratrice. Le coloratissime, originali ed ironiche 90 opere rappresentano uno straordinario percorso attraverso una variopinta Napoli che viene vissuta dall’artista come ’’un teatro a cielo aperto’’. La mostra sarà aperta fino al 22 dicembre presso gli spazi della Galleria Koine, tutti i giorni dal lunedì al sabato dalle 10,00 alle 13.30 e dalle 16 alle 20 e la domenica mattina dalle 10 alle 13.30.


Indirizzo: Via Michelangelo Schipa, 118

Periodo: ATTENZIONE: La manifestazione si è tenuta in passato dal al , non si sa se si terrà anche nell'anno in corso e in quali date. Suggeriamo di verificare sul sito ufficiale della manifestazione.
Clicca qui per segnalare le nuove date »

Il testo è stato gentilmente fornito da: Ciro vecchiarini

Sito Web: www.mauriziovinanti.it


`A Tumbulella I numeri della smorfia si svolge nel mese di dicembre, visualizza le altre pagine di Eventi Artistici: Eventi Artistici a dicembre in tutta Italia, Eventi Artistici in Campania oppure le sole pagine di Eventi Artistici a Napoli.


Tutti gli Eventi della settimana a Napoli e provincia:



Tutte le Manifestazioni in Campania in corso:

  • Sagra dell'abbondanza dal al a Montoro Superiore (AV)
  • Convegno filatelico Irpino nel mese di a Avellino (AV)




A Teatro dei Lazzari Felici, Sabato 22 Settembre andrà in scena lo spettacolo Noi … i Taranto; Nino e Carlo raccontati da Corrado, figlio e nipote, in un viaggio attraverso ricordi, aneddoti, inediti e molto di più. Una Taranto Story, narrata bene e col quel peso d'arte sulle spalle ha avuto il... [continua]

Girando in Campania... “Venerdì Santo con Battenti”
Venerdì 19 Aprile il borgo antico farà da cornice della processione dei Battenti. I flagellanti, uomini e donne Laurentini ma provenienti anche da paesi vicini, indossano un camice bianco che richiama la purificazione, il volto è coperto da un cappuccio forato agli occhi che li rende... [continua]