Sagra dello gnocco ai funghi porcini 2020


In: Campania : Caserta : Sagre Caserta : Teano

Descrizione
Cinque serate di raffinata cucina da trascorrere nel fresco delle colline della bella frazione di Furnolo, antico Borgo immerso tra i castagneti del Vulcano spento di Roccamonfina. Il protagonista indiscusso è lo gnocco,fatto rigorosamente a mano, esaltato dal fungo porcino, potrete però gustarlo anche in altre varianti, al ragù, con salsiccia, cinghiale e gustare anche altri prodotti locali. Ad accompagnare il tutto: vino locale bianco e rosso.
La serata sarà accompagnata da musica e balli. La manifestazione è organizzata dal Comitato Festeggiamenti in onore della Madonna dell'Assunta, in collaborazione con la Pro Loco Teano e Borghi.


Indirizzo: Via Provinciale fraz Furnolo

Periodo: ATTENZIONE: La manifestazione si è tenuta in passato dal al , non si sa se si terrà anche nell'anno in corso e in quali date. Suggeriamo di verificare sul sito ufficiale della manifestazione.
Clicca qui per segnalare le nuove date »

Il testo è stato gentilmente fornito da: silvia de monaco

Sito Web: https://demonacosilvia.wixsite.com/sagrafurnolo


Sagra dello gnocco ai funghi porcini si svolge nel mese di luglio, visualizza le altre pagine di Sagre: Sagre a luglio in tutta Italia, Sagre in Campania oppure le sole pagine di Sagre a Caserta.



Tutte le Manifestazioni in Campania in corso:

  • Sagra dell'abbondanza dal al a Montoro Superiore (AV)
  • Visitiamo la città nel mese di a Salerno (SA)




Girando in Campania... “Presepe vivente di Casarlano”
La Comunità parrocchiale di Casarlano, progetta e costruisce un caratteristico Presepe Vivente che quest’anno giunge alla XI edizione.Una vera e propria opera d’arte che viene definita “la Betlemme di Sorrento”. Lungo l’itinerario del presepe che circonda la splendida ed antica chiesa, si... [continua]

Girando in Campania... “Arte nel Verde”
Lo Spazio Studio49 VideoArte, ospita la mostra “Arte nel Verde” a cura dell’artista Carole Le Pers e della storica dell’arte Ilaria Sabatino. La mostra vede la presenza di diversi artisti e di diversi linguaggi d’arte (pittura, fotografia, incisioni…) che spaziano dal linguaggio figurativo... [continua]